Se c'è uno scalo corso da non perdere in mare, è la visita alla riserva naturale di Scandola.

Creata il 9 dicembre 1975, Scandola è stata la prima riserva in Francia con una doppia vocazione: marina e terrestre. 

La sua superficie è di 900 ettari sulla terraferma e 1000 ettari in mare. 

Questa penisola di origine vulcanica chiude a nord il golfo di Porto, primo sito naturale francese ad essere inserito nel patrimonio mondiale dell'UNESCO. 

Il sito è soprattutto notevole per la sua geologia. Occupa la penisola di Scandola, un impressionante massiccio di porfido dalle forme tormentate. La sua vegetazione è un esempio notevole di macchia mediterranea.

Nella nostra guida completa della riserva naturale di Scandola, troverete le chiavi per un viaggio straordinario nel cuore della natura!

Tabella dei contenuti

Cos'è la riserva naturale di Scandola?

La riserva naturale di Scandola è il primo sito in Francia dedicato alla conservazione del patrimonio naturale terrestre e marino. Questa doppia vocazione ne fa un luogo unico e ferocemente conservato.

Creato il 9 dicembre 1975, il suo stato di conservazione è unico dopo più di 30 anni come riserva naturale.

Vera e propria vetrina geologica, il sito di Scandola corrisponde alla parte emersa di un antico complesso vulcanico che è parzialmente crollato in mare e chiude la parte settentrionale del golfo di Porto, primo sito naturale francese ad essere inserito nella lista del patrimonio mondiale dell'UNESCO.

Nella sua superficie classificata di 900 ha sulla terra e 1000 ha nel mare, c'è una grande diversità di rocce vulcaniche così come di formazioni legate alle eruzioni: lahars, piroclastiti, organi riolitici... La sua vegetazione è un esempio notevole di macchia.

riserva naturale di scandola

Dove si trova la riserva naturale di Scandola?

È in Corsica, sulla costa occidentale nel cuore della destinazione Ouest Corsica che si annida un vero gioiello naturale d'eccezione: la riserva naturale di Scandola.

Si trova nel comune di Osani. Questo villaggio non significa nulla per voi? Tuttavia, è su questo piccolo comune che si trova il Golfo di Girolata, il suo famoso villaggio di pescatori e la spiaggia delle Gradelle. La spiaggia di Gradelle, l'ultimo luogo costiero accessibile in auto prima del Golfo di Girolata e della riserva naturale.

Scandola si estende dalla riva nord del Golfo di Girolata fino alla marina di Elbo a sud di Galéria, su una penisola formata da rocce vulcaniche che sorgono dal mare.

Su una carta geografica, si può localizzare tra Galeria al nord e Porto al sud sul lato occidentale della Corsica.

È a 2 ore di macchina da Ajaccio, Calvi e Corte per avvicinarsi ma non per andarci. In effetti, Scandola non ha accesso alla strada e la parte terrestre della riserva stessa è vietata all'accesso e non ha sentieri per preservarla.

Qual è la storia della riserva di Scandola?

Presenza umana...

Ci sono tracce di ogni epoca che provano la presenza umana nella regione di Scandola.

Sono stati trovati oggetti appuntiti che ricordano le armature delle isole del primo neolitico.

Nell'antichità, si credeva che il Capu Tafunatu fosse una rappresentazione del Ciclope, portatore di un "occhio" malvagio o buono a seconda dei casi.

Tuttavia, sono soprattutto le scoperte subacquee a fornire prove dell'attività umana in questa zona.

Si trovano ancore antiche, frammenti di anfore greco-italiane, ma anche anfore galliche e spagnole (III secolo a.C.) e frammenti di anfore orientali che illustrano le attività portuali della regione di Scandola.

Ma è il periodo genovese che ha lasciato più tracce, in particolare con la costruzione delle due torri di guardia, presenti ancora oggi a Elbo e Gargalo, risalenti al XVII secolo.

Dalla fine del XVIII secolo, si possono trovare habitat rudimentali e campi di grano, prova della transumanza effettuata dai pastori di Evisa, Ota, ma soprattutto di Niolu.
Sembra che nel XIX secolo, Scandola sia stata utilizzata per la coltivazione di vari cereali (grano, orzo).

A parte i cereali, la vite sarà l'unica coltura
coltivata nella zona di Girolata-Scandola.

Nel 1929 nacque lo sfruttamento della macchia per il carbone di legna a Scandola e durò per tre anni, fino a quando l'esportazione spagnola fu completamente bloccata durante la guerra civile.

Ma l'impatto più negativo dell'uomo su Scandola sta nella sua responsabilità per la scomparsa di due specie: il cervo e la foca monaca.

Sembra che i cervi siano stati cacciati, mentre la foca monaca è stata oggetto di una vera e propria "caccia alle streghe".

La foca monaca, conosciuta anche come "vitello di mare", era odiata dai pescatori che la consideravano un concorrente e un distruttore. Intelligente e astuta, la foca monaca preferiva nutrirsi di pesci già catturati nelle reti, che causavano danni significativi riconoscibili da tutti: un foro con le mascelle e due fori con le pinne.

Il conto era troppo alto per i pescatori che, con l'aiuto dei pastori, fecero in modo che la razza sparisse dalla zona di Scandola, fino alla sua completa assenza da Scandola nel 1969.

Da allora, l'uomo si è riscattato, in particolare creando la riserva naturale nel 1975.

riserva naturale di scandola

Come arrivare a Scandola? (a piedi, in auto, in autobus, per mare, ...)

L'unico modo per scoprire la riserva naturale di Scandola è via mare.

Non c'è accesso in macchina alla riserva naturale di Scandola ed è difficile, se non impossibile, arrivarci a piedi.

In pratica, l'unico modo per godere degli splendori di questa costa senza stancarsi troppo e in totale serenità è prendere una barca.

E onestamente, vale la pena di uscire in mare, ve lo possiamo dire! Alcuni consigli sono dettagliati nei paragrafi seguenti per evitare di prendere la barca ma senza molta convinzione...

Visita Scandola in barca

Visita la riserva naturale di Scandola in barca 

L'unico modo per visitare la riserva naturale di Scandola è in barca: molte compagnie offrono i loro servizi per imbarcarsi su barche di diverse dimensioni, potenza e motorizzazione e partire così a contemplare gli incredibili paesaggi e formazioni geologiche della riserva. Navigate nelle acque della riserva a bordo di una barca ibrida ecologica e silenziosa, o in cerca di sensazioni, andate all'avventura su una barca veloce. La barca tradizionale è ancora popolare, con i suoi posti a sedere più comodi e l'area coperta, mentre la barca semi-rigida sta diventando più moderna. Le dimensioni della barca rimangono a misura d'uomo e vanno da 12 posti a 80 posti con, naturalmente, intermedi come i 30 posti. Sotto il sole della costa occidentale della Corsica, in mare e in vacanza, lasciarsi andare e ammirare la riserva di Scandola resterà un'esperienza indimenticabile qualunque sia il tipo di barca scelta, così zen e senza stress; il profumo degli spruzzi del mare, i colori, i paesaggi incantevoli vi faranno dimenticare le preoccupazioni quotidiane per lo spazio di un viaggio. I nostri professionisti sono lì per aiutarvi a scoprire le bellezze della costa, la visita di grotte e faglie, i piccoli tesori nascosti conosciuti dai marinai. Una spiegazione con un commento attento sui siti protetti della riserva marittima e terrestre di Scandola, soste di nuoto in acque traslucide dai colori paradisiaci, siete tentati? pronti ad imbarcarvi? ...Ora dovete sapere dove inizierete la vostra avventura e lì la scelta non è così complicata, sulla costa occidentale molti porti vi permettono di visitare la riserva naturale di Scandola. E non preoccupatevi, la bellezza della costa è tale che, qualunque sia il vostro punto di partenza, la vostra escursione diventerà un ricordo incredibile e indimenticabile. 

Potete trovare il vostro capitano per un giro in barca da :

  • Tiuccia
  • Sagone
  • Cargese
  • Porto
  • Girolata

Visita la riserva naturale di Scandola noleggiando una barca

Puoi visitare siti eccezionali come la riserva naturale di Scandola noleggiando tu stesso una barca, anche senza patente! Affittare una barca permette di vivere una visita insolita. Potrete navigare autonomamente (e anche la libertà di movimento è importante) verso la riserva naturale di Scandola, prendendo tempo per soste balneari, picnic nelle insenature selvagge e infine prendendo il tempo per apprezzare la grandezza dei paesaggi   

 

barche calanche piana

I nostri partner

Vuoi scoprire Scandola e i suoi dintorni? Segui le nostre guide!

Quando andare a Scandola? (consigli su stagioni, giorni/mesi/tempi...)

L'isola della bellezza, e più particolarmente il sud dell'isola, ha un clima mediterraneo abbastanza soleggiato. È quindi mite in inverno e caldo in estate!

La stagione estiva è il periodo più frequentato dai turisti per visitare il sito.

Molte persone in Corsica vogliono visitare la riserva di Scandola durante l'estate e, naturalmente, le capiamo.

Se avete una scelta di date, sarebbe più tranquillo e meno costoso fuori dal periodo estivo.

Per approfittare al massimo del vostro soggiorno, vi consigliamo di optare per un soggiorno in primavera o in autunno: le temperature rimangono miti e il numero di visitatori in loco è diviso per 3 (soprattutto in ottobre).

Per peggiorare le cose, questo ti farà risparmiare un sacco di soldi sul tuo budget per il trasporto e l'alloggio. Inoltre, i biglietti aerei e dei traghetti sono molto più economici!

Quando visitare la riserva naturale di Scandola? 

Gli amanti delle belle foto preferiranno fare questa gita in barca alla fine della giornata, per approfittare delle ore d'oro, sapete quei momenti che seguono o precedono le albe e i tramonti.

Ma sì, andiamo! Avrete notato che la luce era magnifica. Durante le ore d'oro, i colori sono bellissimi, i contrasti anche e i paesaggi della riserva naturale di Scandola sono sublimati.

La luce delle ore d'oro è magica. Accarezza i paesaggi, li avvolge in un'atmosfera quasi mistica, e rende bella la gente.

Alcune compagnie offrono anche uscite al tramonto e aperitivo, la combinazione perfetta.

Altri preferiranno godersi le mattine più fresche e il traffico marittimo più leggero con la sensazione di solitudine e calma nell'immensità blu e il bonus in stagione di temperature meno calde e paesaggi meno esposti da fotografare.

Ma se non avete una scelta di orari, lo spettacolo ci sarà comunque.

Riserva di Scandola

Dove dormire vicino a Scandola? (campeggio, hotel, camping-car, campeggio selvaggio, gîte, ecc...)

Visitare la riserva di Scandola è facile!

Le partenze sono quotidiane dai porti della costa occidentale, tempo permettendo ovviamente.

Questa regione si trova nel nord-ovest dell'isola, tra Calvi e Ajaccio e diversi tipi di alloggio sono disponibili nella zona per trascorrere le vostre vacanze ed essere il più vicino possibile alle partenze via mare per la riserva naturale di Scandola.

Dalle camere d'albergo ai cottage self-catering, agli hotel, ai campeggi e agli chalet di montagna, c'è un'ampia offerta di alloggi sulla costa occidentale.

La vostra scelta dipenderà naturalmente dai vostri desideri e interessi ma può anche essere influenzata dalla regione della Corsica che visiterete.

A seconda del tuo itinerario, perché non combinare diversi tipi di alloggio per rendere felice tutta la tua tribù e tenere sotto controllo il tuo budget.

Troverete un alloggio in Corsica occidentale che soddisferà le vostre aspettative e non esitate a chiedere consigli nei nostri diversi uffici. I nostri agenti conoscono bene le strutture e saranno lieti di guidarvi verso il tipo di alloggio che combinerà tutti i vostri criteri di selezione.

Cosa si può vedere nella riserva naturale di Scandola? (rocce, fauna, flora, torri, curiosità...)

La vita sulla terra...

Sulla terraferma, gli uccelli sono i re indiscussi della riserva.

Ci sono belle colonie di gabbiani reali sugli isolotti, ma anche coppie di cormorani di Desmaret che si riproducono sulle scogliere.

Allo stesso modo, le cime alte e inaccessibili offrono rifugio a coppie di falchi pescatori e falchi pellegrini.

Nella macchia, si possono trovare uccelli azzurri e gorgheggi mediterranei.

A volte le aquile reali e i gipeti si avventurano, attratti dalle poche capre selvatiche e dai pulcini di gabbiano.

Anche altre famiglie di animali abitano la riserva: mammiferi, roditori, rettili e anfibi condividono questo sito eccezionale, al riparo dall'uomo.

Numerose specie vegetali endemiche specifiche della Corsica e della Sardegna si trovano qui dalla riva del mare fino alla cima della riserva, Capo Purcile, a 560 metri.

...e in mare

Le sue acque trasparenti, con isolotti e grotte inaccessibili, ospitano una ricca vita marina.

Ci sono più di 450 specie di alghe. Per alcuni di loro, la Corsica è l'unica area mediterranea di predilezione.

L'abbondanza di vertebrati è notevole, con 125 specie inventariate, in particolare quelle che sono diventate rare nella Grande Bleue: la cernia (Epinephelus marginatus), il badêche (Epinephelus alexandrinus) e il denti (Dentex dente).

Il riccio di mare commestibile e il riccio di mare nero amano rispettivamente le alghe morbide e le alghe calcaree. Ci sono anche patelle blu, banchi di salpe, triglie e vesciche.

Nella zona infralitorale, che è la più adatta alla vita nell'ambiente marino, i cambiamenti di temperatura e le variazioni saline sono moderate. Qui la vita si sviluppa armoniosamente.

Niente ostacola la fotosintesi delle piante e degli animali, essi vi trovano il loro cibo e la catena alimentare, per quanto complessa, può essere stabilita.

Molto più in basso, a partire da una profondità di trenta metri, si trova lo stadio circalitorale. Qui si svolge il coralligeno, uno dei paesaggi più straordinari del Mediterraneo.

Le cenge e i drappeggi minerali sono coperti di gorgonie. Poi è il turno del corallo rosso, delle spugne, delle ascidie e di un'alga verde chiamata Halimeda tuna.

Il suo pesce re, la cernia, appare nel buio insieme alle aragoste e al barbiere.

Rifugio di specie protette, è uno degli ultimi siti ad ospitare la Patelle Ferrugineuse. Specie in pericolo sulla costa mediterranea, è classificata come specie protetta come la grande cicala, il riccio diadema e la grande madreperla, tutte presenti nella riserva.

Questa eccezionale riserva naturale è soggetta a una regolamentazione molto rigorosa.

riserva naturale di scandola
kayak mare corsica occidentale
girolata

Quali altre attività sono disponibili vicino a Scandola? (escursioni, canottaggio, equitazione, ciclismo, artigiani, produttori...)

  • Visita la riserva naturale di Scandola in canoa o kayak di mare

Sì, è possibile ed ecologicamente adatto al sito, ma ancora riservato a un pubblico esperto.

Ci vorranno circa 8 ore di canottaggio da Porto per raggiungere la riserva naturale di Scandola, è una rottura di scatole, vero?

La spiaggia delle Gradelle, l'ultima spiaggia accessibile in auto prima di Girolata, vi porterà vicino se avete il vostro kayak, ma è comunque sportiva.

Se hai ancora voglia, molte organizzazioni offrono tour itineranti con picnic e bivacchi. Ma non dimenticare che la velocità di avanzamento in un kayak è di circa 3 nodi (circa 6 km/h), senza tener conto delle soste.

Questa modalità di navigazione dipende molto dall'ambiente esterno, ancor più che dalla barca, e quindi dalle condizioni meteorologiche, dal moto ondoso, dal vento, dalla corrente e dal fattore più importante da prendere in considerazione: la tua forma fisica.

  • Brevi escursioni vicino alla riserva di Scandola

Per coloro che non sono per niente amanti del mare o che amano camminare, avete anche la possibilità di fare qualche escursione per scoprire la riserva naturale di Scandola ma per avvicinarsi il più possibile al suo limite autorizzato.

La flora conservata ed endemica di questa regione della Corsica si adorna di colori e di odori diversi secondo la stagione. Tuttavia, fate attenzione a rispettare le istruzioni di conservazione indicate, che sono :

  • non toccare,
  • non essere scelto,
  • per non disturbare gli abitanti,
  • non calpestare,
  • Rimanere sui sentieri autorizzati e segnalati.

Il cuore della riserva non ha sentieri escursionistici, e questo è comprensibile.

Ivostri passi vi condurranno a Girolata, ai margini della riserva naturale di Scandola e sul sentiero di Guyle facteur (3h30 andata e ritorno) dal Col de la Croix.

Sempre sul mare e monti, si può continuare fino a Galeria seguendo le indicazioni arancioni ma attenzione, sono più di 5 ore di cammino solo andata.

È grazie al rispetto di tutti che questo sito può essere conservato con dignità e che rimane accessibile in parte ai visitatori, quindi cerchiamo di essere prudenti e civici.

È gratis?

La visita alla riserva naturale di Scandola non è gratuita.

Il prezzo varia a seconda del punto di partenza, del tipo di barca e dei servizi aggiuntivi associati al viaggio, come aperitivi, ecc. Diversi operatori si occupano della traversata e per la maggior parte effettuano lo stesso percorso. In stagione, avrete l'imbarazzo della scelta.

Ma per darvi un'idea del prezzo, il prezzo sarà tra 40€ e 85€ per una barca da turismo o se decidete di andare all'avventura con una barca a noleggio, dovrete contare da 85€ per mezza giornata (senza licenza).

Ti consigliamo di confrontare le offerte, di fare acquisti e di parlare con i noleggiatori o i barcaioli direttamente o per telefono. Potete poi fare la vostra scelta in base a tutto questo. Spesso la buona volontà può portare delle sorprese.

Quanto dura una visita a Scandola?

La visita alla riserva di Scandola può durare fino a 5 ore se si parte dal golfo di Liscia, ma in generale per questo tipo di escursione bisogna prevedere almeno 2,5 ore.ma in generale, per questo tipo di escursione, si dovrebbero prevedere almeno 2h30.

Di nuovo, questo dipenderà dal tipo di barca che sceglierete e dal porto da cui pensate di noleggiare o fare il viaggio alla riserva naturale di Scandola.

Altri fattori entrano in gioco per la durata, che può variare a seconda delle fermate: sosta bagno, pausa al piccolo villaggio di pescatori di Girolata...

Come puoi vedere, il modo migliore per avere un'idea chiara è quello di confermare con i nostri esperti sul posto, cioè le società di noleggio barche.

scandola barca a vela girolata

Dove mangiare nella riserva di Scandola?

Esso Ovviamente, nella riserva di Scandola, non troverete un ristorante o un negozio di alimentari. Tuttavia, è possibile mangiare nelle vicinanze.

In effetti, troverete a Girolata, sul bordo della riserva, dei ristoranti, un negozio di alimentari... Dovrete scegliere un'escursione con una sosta nel piccolo porto dei pescatori, o andarci per il sentiero del postino che parte dal col de la croix se volete approfittare del sito per pranzare. Alcune aziende offrono cene con aperitivo.

Se lo desideri, puoi anche mangiare sulla terrazza in uno dei porti di partenza, comprare un piccolo spuntino o preparare un picnic. 

Chi può visitare la riserva naturale di Scandola? (famiglia, sportivi, coppia, contemplativi, buongustai, amici...)

La visita della riserva naturale di Scandola non è solo riservata agli scienziati, è aperta a tutti, a seconda di come volete scoprirla, se siete più come... o come questo... Comunque sia, seguite la guida per scoprire la riserva naturale di Scandola

  • I contemplativi :

Per mantenere le cose semplici, raccomandiamo barche tradizionali in modalità ecologica con gli ibridi, o con scafi duri e semi-rigidi con gli altri. Se sei un po' sensibile al vento, agli spruzzi del mare, al sole e hai paura di ammalarti, dovresti optare per una barca grande che abbia posti a sedere coperti e che ti permetta di muoverti sul ponte.

  • Sportivi e donne:

Se invece ti piace il lato sportivo e sei abile nelle sensazioni forti, niente paura, le barche veloci sono lì per soddisfarti, i capelli nel vento e il profumo degli spruzzi del mare oltre alle emozioni garantite.

  • Le famiglie :

È difficile tenere fermo un bambino durante una traversata, dipende naturalmente dalla sua età. Ma non preoccupatevi, i vostri piccoli saranno ben protetti e molto interessati a questo viaggio in mare. A seconda della vostra tribù, potete scegliere una barca coperta e più spaziosa per permettere loro di sgranchirsi le gambe muovendosi piacevolmente, o per essere riparati dal vento e dalle proiezioni dell'acqua, sempre rispettando le regole in vigore a bordo ovviamente. Se i vostri adolescenti cercano un po' più di divertimento, allora avrete la scelta, con barche semi-rigide e veloci...

  • Gli amanti

Che bella idea, una passeggiata alla riserva naturale di Scandola e ritorno al tramonto, tanta bellezza e condivisione con la persona amata, si può fare una passeggiata con o senza aperitivo nel momento più romantico della giornata. Ne sarete felici, perché se c'è un'esperienza romantica, universale e gratuita, condivisa da tutte le coppie del mondo, ovunque esse siano, è certamente quella del tramonto sul mare... Qualche parola sulla luce e i suoi benefici emozionali, sulla fioritura naturale, il piacere contemplativo...

cormorano

Riserve naturali in Corsica

La Corsica ha attualmente 7 riserve naturali stabilite su una superficie totale di 86.624 ettari e gestite da diverse strutture.

Il Parco Naturale Regionale della Corsica amministra la riserva naturale di Scandola, che ora sapete, mentre la Collectivité de Corse si occupa di la riserva naturale dell'Etang de Biguglia, nella regione di Bastia.

L'associazione Finocchiarola degli spazi naturali della punta del Capo Corso gestisce la riserva naturale delle isole del Capo Corso.

La Riserva Naturale delle Bocche di Bonifacio, le Isole Cerbicale, le Tre Padule di Suartone e il massiccio del Monte Rotondo sono sotto la giurisdizione dell'Ufficio dell'Ambiente della Corsica.

Insieme alle acquisizioni costiere adiacenti del Conservatoire du Littoral, formano la parte francese del Parco Marino Internazionale delle Bouches de Bonifacio tra la Corsica e la Sardegna, in collaborazione con il Parco Nazionale Italiano dell'Arcipelago della Maddalena.

Siti notevoli vicino a Scandola?

 Un mare blu potente, grotte e scogliere che si intrecciano in un rosso sangue per darci un cammeo straordinario. Scandola è un must da vedere almeno una volta nella vita, ma ci sono altri luoghi intorno a questo sito che non sono da perdere...

  • Porto e la sua torre quadrata. Nel suo famoso sito classificato, il villaggio richiede una diversione nel suo ambiente tra mare e montagna. Il suo golfo, le sue strade lastricate, la sua spiaggia di ciottoli, le sue scogliere rosse... una vera oasi di pace e un paesaggio magnifico fanno di Porto un luogo da non perdere.
  • Il villaggio di Ota e la sua roccia in equilibrio sul capu d'Ota. Le sue strade strette e le sue belle case di pietra, i suoi ponti genovesi che sono punti di bagno rinfrescanti in estate vi faranno venire voglia di passeggiare tranquillamente.
  • Girolata per il sentiero del postino o in barcaUn bel paesino di pescatori nel Golfo di Girolata, che non è accessibile in auto, ma solo a piedi o in barca.
  • Le calanche di Piana per strada o per mareLe calanche di Piana, sia per strada che per mare, possono essere scoperte durante una passeggiata, in mezzo a una natura preservata.
  • Le Gole della Spelunca, il sentiero della transumanzamare e monti, che è diventato un sentiero d'interpretazione con le sue leggi sulla fauna e la flora
  • La foresta di Aitone e le sue piscine naturali lontano dalla costa e le sue spiagge, la sua ricca vegetazione di pini laricio e le sue piscine naturali e cascate
  • Il sentiero del castagneto Lungo il percorso, troverete pannelli informativi sui castagneti e sulla vita nei villaggi. Camminando nella foresta, incontrerete, per esempio, un essiccatore di frutta o un serbatoio di castagne.
Torre genovese Porto Corse

Patrimonio mondiale in Corsica 

In Corsica, un solo sito è iscritto al patrimonio mondiale dell'UNESCO: il Golfo di Porto. È stato il primo sito naturale classificato in Francia. 

L'insieme classificato nel 1983 comprende: la Riserva Naturale di Scandola, il Golfo di Girolata e le Calanche di Piana. 

Il sito è stato scelto per le sue eccezionali caratteristiche geologiche, ma anche per la sua ricca biodiversità. È stata classificata secondo i criteri naturali VII, VIII e X stabiliti dall'UNESCO, che sono dettagliati qui sotto.

 

Criterio di natura eccezionale

VII. rappresentare fenomeni naturali o aree di eccezionale bellezza naturale e importanza estetica.

La ricchezza delle formazioni algali è incomparabile sul sito di Scandola, a causa del carattere tormentato dei fondi rocciosi che offrono una diversità ecologica molto grande al loro impianto.

È l'ambiente costiero mediterraneo per eccellenza per :

  • I suoi "pavimenti" di alghe calcaree, di cui quello di Punta Palazzu è uno dei due "pavimenti" più importanti del Mediterraneo;

  • La sua prateria di Posidonia, testimone della limpidezza delle acque sottostanti, che si è sviluppata fino ad una profondità di 35 m;

  • I suoi "coralligeni" che sono spettacolari strutture concrezionali che si estendono fino al bordo della piattaforma continentale;

L'insieme sembra essere un sito di riferimento per la qualità del suo equilibrio naturale.

marciapiedi Riserva di Scandola
riserva naturale di scandola

Criterio di rappresentatività geologica 

VIII. essere esempi eccezionali rappresentativi delle fasi principali della storia della Terra, comprese le prove della vita, dei processi geologici in corso nello sviluppo delle forme del terreno, o di caratteristiche geomorfiche o fisiografiche significative.

L'architettura generale del sito è formata dalle tre enormi sporgenze della montagna nel mare: la penisola di Elbo, Capo Senino e Capo Rosso. Solo la valle del fiume Porto offre una stretta via di fuga verso la montagna.

La grande diversità geologica delle rocce, l'originalità del loro ambiente, la loro diversa resistenza all'erosione hanno dato origine a formazioni geologiche spettacolari:

  • Enormi scogliere di porfido rosso e ialite scolpita dalla tempesta

  • Colonnati di organi di basalto che sorgono dal mare

  • Torrette e caos di granulite rossa formano eccezionali sculture minerali a più di 400 m di altitudine nelle Calanche di Piana

La grandezza selvaggia combinata con la potenza della geomorfologia, la vegetazione e la luce rendono il sito un luogo magico.

Criterio della biodiversità

X. contenere gli habitat naturali più rappresentativi e importanti per la conservazione in situ della diversità biologica, compresi quelli che contengono specie minacciate di eccezionale valore universale dal punto di vista scientifico o della conservazione.

L'elemento floreale più notevole sono le formazioni algali molto ricche. L'ambiente marino della riserva (circa mille ettari) illustra in modo completo e molto rappresentativo, in uno stato di equilibrio relitto, la gamma di forme viventi nel Mediterraneo.

Nell'ambiente terrestre, l'elemento faunistico più spettacolare è l'avifauna con :

  • Le sue belle colonie di gabbiani reali sulle isole;

  • Le sue diverse decine di cormorani Desmaret che vengono a riprodursi sulle scogliere;

  • I suoi falchi pescatori vivono sulle cime rocciose. Oggi, solo altri due siti nel Mediterraneo sono rifugi per questi rapaci altamente minacciati;

  • I suoi falchi pellegrini

  • Le sue aquile reali che a volte vengono a nutrirsi lì a scapito dei piccoli gabbiani reali.

La riserva naturale di Scandola è abbastanza estesa e contiene gli elementi di habitat essenziali per la sopravvivenza delle principali specie.

Anche la protezione, la gestione, l'autenticità e l'integrità dei beni sono considerazioni importanti.

cormorano