Un singolare villaggio in Corsica

Fu per sfuggire al giogo ottomano che 600 greci si insediarono in Paomia nella XVII secolo.

Dopo molti scontri, l'attuale Cargèse fu costruita nel 1768 dall'esercito francese del conte di Marbeuf.

Il villaggio ha due testimonianze complementari dell'insediamento di questa comunità: le due chiese, una latina e l'altra greca, che si fronteggiano sul lungomare.

Durante l'anno, le due confraternite di Cargese, Sant'Antonio e San Spiridione, perpetuano le tradizioni sviluppate da queste due comunità, che culminano nelle celebrazioni della Pasqua, durante la Settimana Santa.

Una configurazione non standard

A Cargèse, una di fronte all'altra sul lungomare, la chiesa greca e la chiesa latina contengono entrambe un'infinità di testimonianze della storia locale.

Tra loro, incarnano certamente la diversità culturale e religiosa del villaggio.

Il primo edificio religioso è certamente più incantevole con il suo esotico profumo di incenso, ma anche la chiesa latina merita una visita.

Seguire la guida...

Convento di San Francesco

I nostri partner

Volete saperne di più? Contattate i nostri partner.

Chiesa dell'Assunzione

...conosciuto come latino

Nel 1817, i capifamiglia corsi si riunirono e decisero di lanciare una sottoscrizione per la costruzione di una chiesa di rito latino. Un certo Antoine Andréani ha poi donato un pezzo di terra.

Ma i tempi stanno cambiando e la i primi scavi iniziarono solo 8 anni dopo. I lavori di costruzione si svolsero tra il 1825 e il 1828. Ha persino richiesto l'"aiuto" del Ministero dei Culti.

Negli archivi si parla di diverse riparazioni necessarie. Nel 1835 il tetto fu spazzato via e nel 1845 gli arredi interni non erano ancora stati completati. Il campanile fu costruito solo nel 1847.

La chiesa ha una navata centrale affiancata da due cappelle laterali semicircolari.

Il coro è separato dalla navata da una porta e da un tavolo per la comunione. I dipinti murali del coro sono stati recentemente restaurati.

La volta a botte poggia su una cornice modanata sostenuta da lesene in stile corinzio, testimonianza della decorazione neoclassica della chiesa, visibile ancora oggi.

Sul lato nord della chiesa, la parte quadrata del campanile a due piani è sormontata da una lanterna ottagonale con oculo.

La facciata anteriore è scandita da lesene piatte e coronata da un frontone ondulato. I suoi prospetti laterali sono traforati da alte finestre che illuminano direttamente la navata.

Il sacerdote Eli Papadacci, di origine greca, adottò allora il rito latino, portando con sé la famiglia Petrolacci e parte della famiglia Dragacci.

Chiesa di San Spiridione

...conosciuto come greco

Simbolo vivente della tradizione, sostituisce la chiesa primitiva che era troppo stretta.
Iniziata poco dopo la chiesa latina, intorno al 1852, fu completata solo 20 anni dopo. I fedeli lavoravano a questa costruzione ogni domenica dopo la messa e fino a sera.

Secondo il modello dei templi orientali, il santuario è separato dalla navata centrale da un'iconostasi o da una parete divisoria in legno ricoperta di immagini sacre. Questa iconostasi, originariamente destinata al convento di Grotta Ferrata vicino a Roma, è stata donata alla colonia dalla Congregazione di Propaganda. Risale al 1886.

Due nicchie laterali sono dedicate a :

  • la "Panaghia" o "Tutta Santa" patrona della Congregazione della Beata Vergine Maria (a destra)
  • San Spiridione, patrono dell'omonima confraternita, a cui sono iscritti tutti i greci dalla nascita e più di un terzo della popolazione latina (a sinistra)

Per le funzioni e le cerimonie si segue quasi esclusivamente il rito di Atene e Costantinopoli, così come le colonie greco-cattoliche di Parigi, Lione e Marsiglia. 

Il greco antico rimane la lingua liturgica, il che facilita la lettura e la comprensione delle preghiere da parte dei fedeli, che hanno tra le mani un messale contenente il testo originale in caratteri latini con la traduzione francese a fronte. 

Le due solennità più importanti sono: il lunedì di Pasqua con la benedizione delle campagne e San Spiridione, festa patronale di Cargese, celebrata il 12 dicembre.

Come in Oriente, il battesimo viene impartito per triplice immersione. Il sacerdote conferma poi il bambino e gli dà la comunione sotto forma di vino con un cucchiaio. 

La comunione viene distribuita ai fedeli sotto entrambe le specie

Il matrimonio è segnato dall'imposizione di corone: una con foglie di vite, l'altra con un ramo di ulivo.

Cargèse conta circa 300 parrocchiani di rito greco.

Celebrazioni pasquali

Un evento da non perdere

In programma:

  • Giovedì Santo
    Chiesa latina: Comunione pasquale: la messa ricorda l'Ultima Cena, poi la sera: Processione del Cristo morto: al canto di "Perdono mio dio ", i fedeli seguono le "spoglie" di Cristo.
  • Venerdì Santo
    Chiesa greca: "Sepoltura di Cristo": processione nella chiesa.
    Chiesa latina: Via Crucis all'interno della chiesa.
    Chiesa greca: la sera: "Canti ed elogi funebri": canti, lamenti e lamenti funebri per unirsi alla Chiesa latina dove i due riti fratelli si riuniscono.
  • Sabato Santo
    Chiesa greca: Liturgia di San Basilio.
    Chiesa latina: benedizione del fuoco sacro e dell'acqua battesimale.
    Chiesa greca: Ufficio della Resurrezione seguito dalla liturgia greca, cerimonia delle candele.
  • Domenica di Pasqua
    Chiesa latina: Messa solenne di Pasqua.
  • Lunedì di Pasqua
    Messa solenne con processione trionfale, bandiere e salve di moschetto che simboleggiano la gioia della resurrezione, stendardi sventolanti. La processione si conclude con la benedizione della campagna, l'icona della Vergine viene innalzata ai quattro punti cardinali.

E durante tutta la settimana santa l'intero villaggio di Cargèse si anima con numerosi festeggiamenti.